Pedagogia della disabilità Briganti

Forum didattico del corso di Pedagogia della disabilità, Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione, Suor Orsola Benincasa di Napoli, organizzato da Floriana Briganti


    commenta qui il video del 25 marzo

    Condividere

    stefania esposito

    Messaggi : 13
    Data d'iscrizione : 24.03.09

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  stefania esposito il Gio Mar 26, 2009 12:40 am

    Purtroppo in Italia il diversamente abile continua ad essere prigioniero in una città che non lo può accogliere,lo avrei capito cinquanta anni fa,ma ora nell'Europa del 2009,è vergognoso.Esistono ancora pullman e treni senza modifiche per permettere al diversamente abile di entrare,addirittura in Italia ci sono ASL, Tribunali,cinema,senza ascensori e con le scale.
    Ma quello che mi fa riflettere e restare amareggiata è la totale mancanza di senso civico, di cui noi cittadini “abili”,quotidianamente,ne diamo prova, c’è da restare allibiti.
    Perché non permettere ai diversamente abili di vivere serenamente la città in cui risiedono?
    Almeno per una volta nella storia della Politica si potrebbe fare qualcosa per l'interesse del piu' debole.


    Stefania Esposito

    Maria Rosaria Avino

    Messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 23.03.09
    Località : Pompei

    le barriere architettoniche

    Messaggio  Maria Rosaria Avino il Gio Mar 26, 2009 12:42 am

    E' VERGOGNOSO NEL 2009 VEDERE QUESTA INDIFFERENZA VERSO LE DIFFICOLTà DELLE PERSONE DISABILI; NON SONO SOLO LE BARRIERE ARCHITETTONICHE L'OSTACOLO MA SONO ANCHE LA SOCIETA' E LO STATO:LA PRIMA E' IGNORANTE NON HA UNA CULTURA DEL DISABILE E NON CONCEPISCE CHE UN PICCOLO GESTO COME PARCHEGGIARE LA MACCHINA IN MODO SCORRETTO POSSA CREARE DELLE SERIE DIFFICOLTA',IL SECONDO TUTELA I DISABILI DAL PUNTO DI VISTA NORMATIVO MA NELLA PRATICA NON FA NULLA.
    SE LA SOCIETA' NON DIVENTA PIù SENSIBILE A QUESTO PROBLEMA E LO STATO NON ASSOLVE AI PROPRI DOVERI IL DISABILE NON POTRA' MAI AVERE L'AUTONOMIA CHE GLI SPETTA DI DIRITTO.

    michela pugliese

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 25.03.09

    Le barriere architettoniche

    Messaggio  michela pugliese il Gio Mar 26, 2009 1:11 am

    L'innovazione e l'evoluzione tecnica e umana stanno seguendo un percorso proporzionalmente inverso rispetto alla necessità odierna di salvaguardare i disabili; questo fenomeno, purtroppo, tende ad essere presente in modo particolare nella nostra Nazione. Come si è osservato nei video proposti, le risorse nazionali vengono attualmente investite in poche ma grandi opere pubbliche, le quali talvolta sono spesso abbandonate o lasciate alla cura di loro stesse: la scarsa attenzione a queste opere, crea evidenti disagi ai disabili. Questo dovrebbe farci riflettere sull'attuale utilizzo delle nostre risorse. Questa forma di lassismo che si è venuta a creare nel tempo nei confronti di queste persone che dovrebbero avere maggiori cure e maggiori attenzioni, dovrebbe essere superata con una politica più incline a soddisfare i bisogni di questi ultimi. Concludo il mio commento con la convinzione che nel nostro paese si è tendenzialmente portati ad associare alla figura dei diversamente abili un senso di inutilità o di inferiorità: ovviamente questa visione è decisamente ERRATA.

    Michela Pugliese
    avatar
    carmela costantino

    Messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 20.03.09
    Età : 29
    Località : Pompei

    BARRIERE ARCHITETTONICHE

    Messaggio  carmela costantino il Gio Mar 26, 2009 1:19 am

    Si chiamano barriere architettoniche tutti quegli ostacoli presenti nell'edilizia che impediscono un comodo utilizzo degli ambienti e delle strutture connesse. La problematica non deve essere pensata solo riguardo alle persone con difficoltà di deambulazione o con altri difetti fisici, ma a tutti coloro che anche per motivi di età o di eventi occasionali si trovano nelle condizioni di non poter usare una scala, un ingresso, una semplice maniglia, un interruttore, un ascensore, un servizio igienico. Queste ultime persone possono essere gli anziani, le donne incinte, i bambini, chi ha un arto ingessato ed altri. Le costruzioni, in considerazione che esiste anche una legge al riguardo, pertanto debbono essere costruite senza barriere architettoniche troppo spesso muri invalicabili che impediscono la vita di relazione ai disabili permanenti e agli occasionali.
    Dopo aver citato in linee generali le barriere architettoniche ora posso esprimere a mio parere che: è incredibile pensare che ancora oggi ci siano "quest'ultime" che impediscono il libero accesso ali spazi riservati ai diversamente abili, i quali devono avere un adeguato accesso ai servizi pubblici e privati. Quindi, la disabilità fisica non deve essere di ostacolo allo sviluppo delle abilità intellettive, di conseguanza chi ha una abilità fisica non deve non essere considerato diverso dagli altri.

    manuela palermo

    Messaggi : 12
    Data d'iscrizione : 20.03.09
    Età : 35

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  manuela palermo il Gio Mar 26, 2009 1:25 am

    Cos'è una forma di razzismo??? poichè i disabili sono numericamente inferiori ai normodotati, le città sono esclusivamente costruite sui parametri di ciò che la società considerà "normalità"??? Di conseguenza : pochi disabili,poca importanza, minore interesse nei confronti di chi nn possiede le capacità comuni???
    Abbattiamo le barriere architettoniche (e nn solo queste)a favore di persone con ridotte capacità motorie o/e sensoriali, che i governi si impegnino in una sensibilizzazione generale, che coinvolga i cittadini e che stimoli il senso di solidarietà e sensibilità presente in ogni essere umano.
    E poi dico:
    1) i disabili pagano le tasse,
    2) le tasse servono allo stato per finanziare le spese pubbliche,
    3) tutto a misura ANCHE dei disabili
    avatar
    teresa granata

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 24.03.09
    Età : 30
    Località : Napoli

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  teresa granata il Gio Mar 26, 2009 1:32 am

    Ma ci rendiamo conto quanto è pietosa la nazione in cui viviamo?le strade sono inagibili,i marciapiedi non sono per niente a norma,i trasporti pubblici non sono a misura di disabile,nelle metro non funzionano i montascale,gli autobus non presentano le pedane.Per non parlare poi dell'egoismo delle persone che se ne fregano altamente delle regole che bisognerebbe rispettare per rendere la vita di queste persone meno faticosa di quanto gia lo è,come ad esempio non ostacolare la salita al marciappiede con la propria auto,non sostare negli spazi riservati hai disabili ecc.Per non parlare poi dello stato che non fa nulla per evitare tutto questo...ma alla fine la verità è che IL PROBLEMA è SOLO DI CHI LO VIVE ed è per questo che si vengono a creare tutte queste situazioni!
    avatar
    Viola Iaccarino

    Messaggi : 14
    Data d'iscrizione : 21.03.09
    Età : 31
    Località : angri

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  Viola Iaccarino il Gio Mar 26, 2009 1:44 am

    Le barriere architettoniche sono quegli ostacoli fisici e senso-percettivi che impediscono alle persone di potersi muovere liberamente nello spazio costruito ed in quello naturale.Le barriere architettoniche possono essere rappresentate da elementi architettonici, da oggetti ed arredi, dalla mancanza di alcuni accorgimenti o da elementi che possono essere causa di infortuni.
    Io penso che tutti e sottolineo tutti devono essere liberi ed autonomi di potersi muovere e spostare senza alcuna difficolta', senza chiedere l'intervento o l'aiuto di altre persone. cheers

    simona.asciolla

    Messaggi : 42
    Data d'iscrizione : 21.03.09
    Età : 30
    Località : napoli

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  simona.asciolla il Gio Mar 26, 2009 2:04 am

    In Italia nel 1989 fu emanata la legge quadro che tratta proprio del problema dell'accessibilità (la legge 13/89) che stabilisce i termini e le modalità in cui deve essere garantita l'accessibilità ai vari ambienti, con particolare attenzione ai luoghi pubblici.
    Il D.M. 236/89 (decreto attuativo) si addentra maggiormente nella parte tecnica ed individua tre diversi livelli di qualità dello spazio costruito.
    Questi tre livelli sono:
    ''Accessibilità: possibilità per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale di raggiungere l’edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruire di spazi ed attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia.
    Visitabilità: possibilità per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale di accedere agli spazi di relazione e ad almeno un servizio igienico di ogni unità immobiliare.
    Adattabilità: possibilità di modificare nel tempo lo spazio costruito a costi limitati, allo scopo di renderlo completamente ed agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale.
    Sempre il D.M. 236/89 stabilisce con esattezza anche altri parametri correlati con i tre livelli di qualità sopra riportati: le dimensioni minime delle porte, la pendenza degli scivoli, le caratteristiche di un bagno accessibile ed altri. I requisiti vengono stabiliti in modo differenziato a seconda della tipologia degli edifici e degli spazi. Ogni nuova costruzione deve infatti rispettare tali norme, ed i vecchi edifici devono essere opportunamente adeguati alla normativa in caso di ristrutturazione (D.M. 236/89, art. 6).



    [i]QUESTA LEGGE è STATA EMANATA BEN 20 ANNI FA Exclamation Exclamation Exclamation DAI VIDEO MOSTRATI OGGI PERò, SI DENOTA CHE SONO PIù LE COSE NON ATTUATE CHE VIVERSA, MA è POSSIBILE CHE IN VENT'ANNI NON CI SONO STATI DEI MIGLIORAMENTI VERI E PROPRI? POSSIBILE CHE NON SI è IN GRADO DI ABBATTERE QUESTE BARRIERE ARCHITETTONICHE? FORSE SI TRATTA DI UN PROBLEMA ECONOMICO? E SE COSì FOSSE, COME RISOLVERLO? NON CREDO, O MEGLIO SPERO CHE NON SI TRATTA DI MENEFREGHISMO O DISCRIMINAZIONE DA PARTE DELLA SOCIETà...SAREBBE UNA REGRESSIONE DELLA SOCIETà STESSA, CHE INVECE DI MIGLIORARSI, PEGGIORA! Shocked

    *Simona*

    maria di fiore

    Messaggi : 26
    Data d'iscrizione : 23.03.09

    frisposta al forum del 25/03/09

    Messaggio  maria di fiore il Gio Mar 26, 2009 2:12 am

    Guardavo attonita i video proposti in aula, come se mi svegliassi da un sonno. Eppure, oltre che in Ateneo, avevo sentito parlare di disabilità; ma sino a stamane non mi ero resa conto di quali fossero le reali difficoltà che incontrano i disabili per compiere gesti, che per noi normodotati rientrano nella routine quotidiana, come girare per la città, o espletare i bisogni fisiologigi. Questa scarsa conoscenza dei reali problemi che vivono i diversamente abili, ci porta spesso ad essere poco rispettosi nei loro confronti, come quando parcheggiamo vicino agli scivoli degli handicappati, o quando, come diceva la collega universitaria, si parcheggiano i ciclomotori sui marciappiedi. Tutto ciò è imputabile alla politica clientelare che tende a sottendere tutte le problematiche più scottanti, evitando, conseguenzialmente, di educarci al rispetto della diversità. Sarebbe opportuno, per l'abbattimento delle barriere architettoniche:
    - Che fossero più pubblicizzate le problematiche che incontrano i diversamente abili;
    - Che lo Stato e le Politiche Sociali concretizzassero di più le promesse fatte per la risoluzione di detto problema;
    - Che, fossero previsti interventi socio-culturali, all'interno delle istituzioni scolastiche, mirati alla rieducazione civica ed al rispetto delle persone normodotate e non.

    anna

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 24.03.09
    Età : 30
    Località : Pozzuoli

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  anna il Gio Mar 26, 2009 2:52 am

    Vedendo questi due video sono rimasta senza parole...ed ho pensato a come oggi pur essendo in un'epoca tecnologicamente avanzata,mi accorgo come ci si perde di fronte alle cose più scontate,non accorgendoci che in questo modo le persone disabili non hanno la possibilità di condurre una vita pari alla nostra.

    Anna Pareto

    laura curti giardina

    Messaggi : 10
    Data d'iscrizione : 18.03.09

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  laura curti giardina il Gio Mar 26, 2009 11:58 am

    riguardo al video della lezione del 25 marzo, credo che sia vergognoso che nel mondo tecnologico di oggi ,non ci
    siano attrzzature idonee che vadano a favore delle persone disabili.
    forse sarebbe necessario ,a mio proposito impegnarsi da un punto di vista politoco ma specialmente morale affinche'
    siano date le pari opportunita' tanto sognate a questa gente.
    cerchiamo di rispettare quanto piu' possibile la loro dignita',o quantomeno immedesimarci nella loro realta'quotidiana
    per capire cosa vuol dire vivere senza aiuti nell'era della scienza che non ha confini. Question
    avatar
    angela guerrera

    Messaggi : 15
    Data d'iscrizione : 25.03.09

    barriere architettoniche

    Messaggio  angela guerrera il Gio Mar 26, 2009 5:03 pm

    La realta' che presentano questi videos e' veramente sconvolgente!!Nonostante si faccia creder alla societa' che tutto sia in norma, poi alla fine, niente e' davvero cosi'....Non c'e' da meravigliarsi ,e'la nostra,la societa' dell'apparenza senza essenza,senza ideali,forti principi o valori.A tutto questo ,pero',bisogna ribellarsi,combattere affinche' tutto cio' non accada:dare la concreta possibilita' alle persone diversabili di vivere una vita degna e agevole come tutti gli altri.Se non riusciamo proprio a"Calarci nelle loro vesti"fermiamoci a pensare:<e se un giorno anch'io avessi realmente iloro problemi?>quante persone ipocrite ed egoiste cambierebbero molti dei loro atteggiamenti!!!!!Ma il vero problema e' che siamo troppo presi da tutt'altro ,tanto che,nei casi piu'disperati, non comprendiamo neanche il vero senso della vita;la' si che veramente simo disperati ed in preda alla disperazione piu' autentica!
    avatar
    Filomena Mammalella

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 20.03.09
    Età : 29
    Località : procida

    commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  Filomena Mammalella il Gio Mar 26, 2009 5:05 pm

    Le barriere architettoniche sono quegli ostacoli presenti nell'edilizia che impediscono un comodo utilizzo degli ambienti e delle strutture connesse. La problematica non deve essere pensata solo riguardo alle persone con difficoltà di deambulazione o con altri difetti fisici, ma a tutti coloro che anche per motivi di età o di eventi occasionali si trovano nelle condizioni di non poter usare una scala, un ingresso, una semplice maniglia, un interruttore, un ascensore, un servizio igienico. Queste ultime persone possono essere gli anziani, le donne incinte, i bambini, chi ha un arto ingessato ed altri.
    Un elemento per non essere definito barriera architettonica, deve risultare accessibile e non un ostacolo per alcun individuo, questo per garantire al maggior numero di persone il diritto alla libertà di movimento
    Credo sia vergognoso Shocked che nelle nostre moderne e tecnologiche città ci siano ancora barriere architettoniche e che spesso i comuni o i gestori di locali pubblici ci prendano in giro costruendo delle pseudo rampe, montascale o comunque costruzioni per agevolare i disabili, che spesso non funzionano o sono mal costruite Evil or Very Mad affraid
    Ma purtroppo è anche vero che se un problema non ci riguarda in prima persona non ce ne interessiamo.
    Ci vorrebbe un interesse politico nel risolvere la questione ma soprattutto un interesse di tutte le persone "normali" che non vedono nemmeno la difficoltà di superare le barriere architettoniche, perchè per loro non sono delle barriere. [b][i]

    mariarosaria mastrominico

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 24.03.09
    Età : 29
    Località : villa literno

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  mariarosaria mastrominico il Gio Mar 26, 2009 5:42 pm

    ciao a tutti!! nel vedere quel video sono rimansta indignata... credo come tutti, che nn sia possibile oggi giorno, vedere delle situazioni come queste! E' vero siamo proprio portati a pensare ad altro, macchi super tecnologiche, telefoni che saranno in grado di telefonare anche nello spazio, e non siamo capaci di pensare ad un ascensore, una pedana e dei bagni per disabili! credo che la disabilità sia nel nostro modo di vedere le cose.Sono la prima forse a sottovalutare il problema di fondo ma credoche sia veramente ingiusto sia da parte nostra e sia da parte delle istituzioni non prendere dei seri provvedimenti per chi ha delle mancanze e non può perciò sfruttare a pieno le proprie forze. Non veramente cosa dire! Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked Crying or Very sad


    mariarosaria mastrominico
    avatar
    carmela.chiaro

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 26.03.09
    Età : 30
    Località : Caivano

    barriere architettoniche

    Messaggio  carmela.chiaro il Gio Mar 26, 2009 5:52 pm

    La prima cosa a cui ho pensato vedendo il video è che nonostante siamo nel 2009 e siamo circondati da tanta tecnologia:che ci permette di conoscere tutto in così poco tempo,di fare tante cose dalla poltrona di casa nostra,in altre parole di aver eliminato qualche piccolo problemino;in fondo non siamo poi così migliorati se ci sono disabili motori a doversi ancora creare dei problemi per prendere un treno,per passeggiare tranquillamente per strada senza poi tanta difficoltà o per andare in bagno (proprio come ci mostrava il video).
    Le barriere architettoniche fanno prendere maggiore coscienza al disabile della propria disabilità facendogli/le aumentare il senso di frustrazione (dovuto alla sua situazione)in quanto non riescono ad avere una propria autonomia,una propria indipendenza poichè costretti, quasi continuamente, a chiedere aiuto a sconosciuti o a familiari e dunque manifestare il proprio svantaggio, anche se si vuole vivere e soprattutto si ha la VOLONTà di essere a tutti gli effetti una persona normalissima.
    Molte tra noi hanno voluto scaricare tale prblema allo stato dicendo in qualche modo che si occupa poco del problema o non si occupa affatto,io vorrei sottolineare che lo stato siamo noi,che noi cittadini dovremmo essere i portavoci di ciò che ci accade intorno, senza aver paura di dire la nostra e ciò vale non solo per lo stato ma anche di tutti coloro che non portano rispetto all'altro,soprattutto disabile: perchè parliamo di lui in tale contesto

    CHIARO CARMELA

    liliana angelino

    Messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 24.03.09
    Età : 29
    Località : caivano (na)

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  liliana angelino il Gio Mar 26, 2009 6:16 pm

    ho appena finito di riguardare il video sulla disabilità nella metro a milano... ma che vergogna;a quanto vedo NOI mondo invece di progredire andiamo indietro...perchè trattare persone che possono avere qualche problema a livello di disabilità per l appunto non come persone "normali"..??ancora nn riesco a dare risposta a questa cosa.. ma la cosa peggiore è che;guardando il filmato, a queste persone nn vengono offerte opportune organizzazioni opportuni metodi per viaggiare, camminare, muoversi in metro..bisogna prendere atto di questa cosa partendo dalle istituzioni maggiori cioè lo stato ma principalmente siamo noi che non dobbiamo avere pregiudizi emarginARE I DISABILI ma contribuire a un loro miglioramento di muoversi nella società e quindi avere quel minimo di coscienza e poi chi più ne ha più ne metta..... liliana angelino

    liliana angelino

    Messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 24.03.09
    Età : 29
    Località : caivano (na)

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  liliana angelino il Gio Mar 26, 2009 6:39 pm

    disabile.. diverso... qst parole mi suggeriscono quant è complessa la vita..ci sarebbe da spendere un mondo di parole su questi due termini. di getto ieri ho dato un idea la prima venutami in mente sul concetto di disabile..disabile la vedo una persona come priva di fare qualcosa rispetto alle persone normo dotate; ma c è tutta una gammA di idee intorno al "diverso"..diverso in prima istanza è colui che assume caratteristiche diverse agisce diversamente dalle comuni tradizioni usi e costumi..una ragazza oggi a proposito di ciò,discutendo, ha dato una definizione di diverso che mi ha fatto tanto riflettere; quella secondo cui il diverso è tale dal pregiudizio..infatti sii riflettendo è proprio cosi...si vive di pregiudizi di discriminazioni e cose varie, CIò è DA SEMPRE ESISTITO... LILIANA ANGELINO

    La Rezza Giuseppina Maria

    Messaggi : 14
    Data d'iscrizione : 18.03.09

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  La Rezza Giuseppina Maria il Gio Mar 26, 2009 6:47 pm

    Da questi due video si riesce a captare che oggi giorno si è sempre più indifferenti nei confronti delle persone disabili e ciò è veramente VERGOGNOSO. Il concetto di barriera architettonica viene percepito in maniera diversa da ogni individuo in quanto un elemento che non costituisca barriera architettonica per un individuo può invece essere di ostacolo per un altro. Anche ai disabili bisogna garantire il diritto alla libertà di movimento e di autonomia e lo Stato deve intervenire non solo con le parole ma anche con i fatti.
    avatar
    Federica_Fusco

    Messaggi : 41
    Data d'iscrizione : 18.03.09
    Età : 29
    Località : Napoli

    Disabilità...una lotta contro le barriere!

    Messaggio  Federica_Fusco il Gio Mar 26, 2009 7:19 pm

    Nel 2009 la nostra società è immersa nella tecnologia, fibre ottiche, elettrodomestici intelligenti che si comandano a distanza, viaggi di piacere nello spazio, ma in questo mondo “iper-tecnologico” non ci rendiamo conto che molte persone che soffrono di ridotte capacità motorie, visive o uditive si trovano, purtroppo, ad essere ancora discriminate poichè nelle nostre città sono ancora presenti tante barriere architettoniche, malgrado le Leggi ne impongono l’eliminazione.
    La normativa della Legge 104/92, nello specifico, punisce con ammenda e sospensione dagli albi professionali i progettisti, direttori dei lavori, responsabili tecnici e collaudatori che non si attengono alle direttive sulle barriere architettoniche.
    In seguito alla Legge 104/92, tutte le successive norme in materia hanno sancito espressamente che gli edifici pubblici e privati, di nuova costruzione, così come gli edifici pubblici e privati in fase di ristrutturazione, devono essere realizzati in conformità agli standard previsti dalle normative vigenti.
    Detto ciò è impensabile che una metropolitana ne possa essere sprovvista! o provista in modo non funzionante!
    Le Leggi devono essere rispettate, non devono servire solo a riempire pagine di libri, manuali di diritto e codici.
    L’eliminazione delle Barriere Architettoniche è un diritto del cittadino disabile sancito dalla Costituzione.
    L’essere umano in tutti i suoi aspetti deve essere visto come il fulcro della società del futuro, e la società non deve avvicinarsi a seconda delle abilità dell'individuo, ma indifferentemente dalle sue capacità motorie!!!!!!
    avatar
    Martina Aceto

    Messaggi : 15
    Data d'iscrizione : 18.03.09
    Età : 29
    Località : Napoli

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  Martina Aceto il Gio Mar 26, 2009 7:22 pm

    Grazie a video come questi siamo consapevoli di quanto la società ancora oggi continui ad ignorare le persone disabili e i loro bisogni.
    Tuttavia questa consapevolezza non agevola il progresso: ogni giorno il disabile è costretto a compiere vere e proprie peripezie per arrivare a destinazione..è impossibilitato ad accedere a qualunque tipo di trasporto e privato di autonomia e libertà di movimento all'interno dei luoghi pubblici.Gli ambienti infatti si rivelano privi di accessibilità e adattabilità. In questo senso le barriere architettoniche ostacolano la normalità del disabile nel quotidiano.
    Si parla di reti accessibili a tutti...ciò nonostante i sussidi tecnologici, volti a migliorare qualitativamente la vita dei disabili,anche quando ci sono si rivelano inagibili...segno di totale indifferenza nei confronti di persone che mostrano deficit motori.
    Durante il laboratorio mi sono trovata pienamente d'accordo con una ragazza..come lei ritengo che le leggi, le iniziative e i provvedimenti presi a favore dei disabili non servono a nulla se manca un educazione alla disabilità di tutta quanta la società...bisogna prima di tutto abbattere quelle che sono le barriere culturali per poi poter abbattere successivamente quelle architettoniche.
    avatar
    valentina bottone

    Messaggi : 13
    Data d'iscrizione : 19.03.09
    Località : giugliano in campania (na)

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  valentina bottone il Gio Mar 26, 2009 8:09 pm

    nonostante ci sia una normativa che riguarda le barriere architettoniche capita troppo spesso di trovare accessi ,porte, servizi igienici, ascensori non fruibili se nn da chi è nel pieno delle proprie capacita fisiche e motorie. e nel video di pistoia si è forse realmente capito quante difficolta giornaliere una persona in carrazzella(nel caso del video,ma la disabilita nn è solo questa ci sono anche le disabilita "temporanee"per esempio una donna incinta,le mamme che girano in passaggino oppure alla diverse età della nostra vita a cui corrispondono diverse esigenze)deve affrontare .osservando il video mi sono resa conto che se da un lato è lo stato o comunque i comuni ad arrecare danni ai soggetti disabili spesso noi come popolazione nn di certo li aiutiamo per esempio parcheggiando sui marciapiedi oppure posteggiando davanti ai sali scendi.
    è brutto e degradante vedere che nel 2009 siamo ancora a questa situazione ed è ancora più brutto pensare che tale situazione si trovi "solo"in italia.in molti altri paesi le cose vanno molto meglio e credo che noi italiani nn potremmo fare altro che prenderli come esempio con la consapevolezza che le cose possono migliorare solo se si fa realmente qualcosa!sulla carta ci sono tante leggi ma in teoria poco e niente è stato fatto.
    cosa possiamo fare? nel nostro piccolo magari cercare di prestare più attenzione a tanto piccole cose per noi insignificanti ma che per i disabili sono ostacoli insormontabili, nn è molto ma gia è qualcosa. Very Happy

    VeronicaAndolfo

    Messaggi : 10
    Data d'iscrizione : 25.03.09
    Età : 30

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  VeronicaAndolfo il Gio Mar 26, 2009 8:43 pm

    Questi video rispecchiano purtroppo la realtà insensibile del nostro paese.
    E’ grave che oggigiorno non si offrano servizi adeguati ai disabili, che in quanto cittadini devono essere alla pari di tutti e godere degli stessi diritti. L’impegno assoluto delle Istituzioni dovrebbe essere quello di facilitare e migliorare la loro vita da disabile, fornendo loro i mezzi necessari per compiere le semplici attività quotidiane come: prendere un autobus o treno, attraversare la strada, ETC…invece pare che si stia facendo il netto contario, ovvero rendere ulteriormente difficile la loro situazione.

    È scandaloso continuare a ritrovarci in questa condizione di discriminazione e di superficialità nei confronti di queste persone, che nonostante le loro difficoltà cercano, con grande volontà d’animo, di vivere una vita normale.
    avatar
    Anna Florio

    Messaggi : 30
    Data d'iscrizione : 23.03.09
    Età : 29
    Località : Mugnano di Napoli

    Barriere architettoniche

    Messaggio  Anna Florio il Gio Mar 26, 2009 9:09 pm

    Dico ma è uno scherzo?è assurdo che oggi con tutte le leggi a favore dei disabili(tutte chiacchiere)assistiamo a scene del genere.Ed è ancora più insensato che rese pubbliche queste problematiche lo Stato non prende provvedimenti o meglio lo fa solo a parole.Ma di tutto questo la cosa più triste è che visto che lo Stato deficita di interventi,almeno noi persone potremmo intervenire,noi uniti potremmo esser in grado di cambiare le cose,ma invece nel video fatto dalle IENE ho visto addirittura qualcuno rispondere con tono infastidito come se questo problema non fosse suo.Ma qui ci sbagliamo questo è un problema di tutti,perchè prima di tutto siamo stati noi a farlo divenire tale;una persona diversamente abile è comunque una persona come tutti gli altri,con solo diverse abilità ,ma questo non comporta la negazione della sua autonomia,anzi è proprio la mancanza di autonomia che porta a far diventare la questione un problema.Se i diversamente abili potessero sul serio muoversi in autonomia non sarebbero visti più come un problema,come un peso,come qualcuno da accudire costantemente.
    Se mi è possibile vorrei raccontarvi una storia che mi ha coinvolto di prima persona:da ragazzina avevo un'amica sulla sedia a rotelle,questa ragazza faceva parte della nostra comitiva solo che per stare con noi si doveva innanzitutto andare a prendere,poi scendere per le scale sia lei che la carrozzina(vivendo lei in un palazzo senza ascensore).All'inizio tutti noi ogni giorno andavamo per portarla con noi,poi con il tempo da che eravamo un gruppo numeroso diventammo sempre di meno,fino all'assenza totale.I miei amici vivendo la questione come un problema,come un compito da compiere ogni giono ad un certo punto hanno smesso di andarla a prendere lasciandola sola a casa.Io per un pò sono andata ancora da lei ma (mi vergogno a dirlo) ad un certo punto la situazione è diventata pesante anche per me arrivando anch'io a smettere di andare da lei lasciandola improvvisamente sola senza più amici;oggi grazie ad un intervento cammina con l'aiuto dei bastoni,e ultimamente affacciandomi alla finestra l'ho vista scendere da sola con le sue gambe e raggiungere i suoi nuovi amici.Lei è stata fortunata,la scienza le ha ridato parte di autonomia,le ha permesso di socializzare di nuovo,ma per chi non è stato fortunato come lei?qual'è il destino di persone a cui viene negata la possibilità di essere autonomi?se poi incontrano persone (come nel caso dei miei amici e di me che non riescono ad incaricarsi di tale situazione?Cosa succede li segreghiamo come si faceva tanti anni fa?)
    Io non sono contenta di ciò che è accaduto,avevo 12 anni ma questa non è una giustificazione,e ancora oggi se ci ripenso vivo la situazione con un tuffo al cuore.

    Per questo oggi dico che bisogna lottare per abbattere le "barriere architettoniche"dobbiamo far in modo che i diversamente abili possano muoversi in totale autonomia,farli sentire liberi di fare tutto ciò che fanno i normodotati,farli sentire persone a tutti gli effetti....
    Nunzia perdonami.
    avatar
    Federica_Fusco

    Messaggi : 41
    Data d'iscrizione : 18.03.09
    Età : 29
    Località : Napoli

    Per Anna Florio:

    Messaggio  Federica_Fusco il Gio Mar 26, 2009 9:37 pm

    Anna purtoppo nella vita di errori se ne fanno tanti, tante persone si sarebbero scoraggiate nel perseguire quell'intento!
    La colpa è delle strutture che non consentono, con adeguati aiuti tecnici, la vita serena dei diversamente abili!!
    ma impongono ancora ulteriori barriere!!!
    Riflettici anche tu...se quel palazzo avesse avuto atrezzature adeguate(basti pensare all'ascensore), avreste, ed in particolare avresti tu lasciato sola la tua amica??...ti conosco molto bene non penso proprio!!!
    avatar
    Federica_Fusco

    Messaggi : 41
    Data d'iscrizione : 18.03.09
    Età : 29
    Località : Napoli

    PEDANA MARCELLA

    Messaggio  Federica_Fusco il Gio Mar 26, 2009 10:17 pm

    Pistoia:barriere architettoniche
    pedana.marcella Oggi a 6:58 pm


    Durante la lezione del 25 marzo la docente ci ha mostrato un video,riguardo la città di Pistoia e le sue "Barriere".Abbiamo visto disabili che non riuscivano a scendere le scale,a salire negli autobus, perchè in quella città come in tante altre non vi sono apposite strutture che permettono ai disabili di vivere in modo autonomo.Le prime domande da porsi sono:Esistono fondi da parte dello stato per la costruzione di tutto questo?Se esistono per cosa vengono usati?

    Contenuto sponsorizzato

    Re: commenta qui il video del 25 marzo

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Sab Dic 16, 2017 2:09 pm